COLICO/SONDRIO (LC) (CO) (SO) – autumn

le foto: https://bit.ly/2pioBGu – percorso 3D: https://bit.ly/2MAHexr – Diversamente da tutte le altre questa è un’escursione con un dislivello positivo che sfiora i 119 metri generati dal passaggio alla frazione Desco e sopra le gallerie della SS38 in prossimità del ponte del Tartano. Il percorso si sviluppa sul primo tratto del Sentiero Valtellina che ha inizio con il chilometro ZERO alla Stazione ferroviaria di Colico. Da qui ci si dirige al Lido di Colico, dove c’è il cippo del Km 1 e (come tutti gli altri indica anche la distanza dal punto finale) Km 113 da Bormio. Nei primi 3 chilometri si superano ben tre confini, quelli delle Province di Lecco, Como e poi si entra in quella di Sondrio. Seguendo le indicazioni che si trovano su tutto il tracciato ci si porta verso la foce del fiume Adda e si mantiene il suo lato orografico sx passando davanti a Dubino, poi a Mantello e quando si arriva a Traona, passando su un bel ponte di legno coperto, ci si sposta su lato opposto del Fiume. Continuando si arriva a Morbegno passando a fianco del bellissimo ponte romanico di Ganda.    Arrivati a Campovico e poi a Paniga si trova l’unico tratto di salita, quello che porta alla piccola frazione di Desco e poi, percorrendo un’antica stradina, si passa sopra alle 2 gallerie del nuovo tratto della SS38. Arrivati al Chioschetto si trova l’innesto del Sentiero Valtellina che con una serie di ponticelli si supera il canale della centrale idroelettrica alimentata dalle acque dell’Adda, e poi il Torrente Masino. Qui si entra nella seconda parte pianeggiante della Bassa Valtellina passando davanti ad Ardenno; in località Selvetta di Forcola si torna sul lato orografico sx del fiume. Proseguendo troviamo  Berbenno di Valtellina, Colorina, Fusine, Cedrasco; arrivati a Caiolo, dove si lascia il tracciato ufficiale passando sul ponte che supera l’Adda,  si prende il nuovo percorso che, transitando sotto il Santuario della Sassella, permette di arrivare al bel Parco Bartesaghi che segna l’ingresso nella città di Sondrio. Al termine del parco si fiancheggia il torrente Mallero percorrendo poi il sul Lungo Mallero Diaz che ci porta in Piazza Garibaldi, centro della città. Questa camminata, che avevo fatto in solitaria alcuni anni fa, è più piacevole se vien fatta in compagnia; ottima occasione è stata quella organizzata dal gruppo “Camminando Camminando”; da non fare nel periodo estivo.. Questo, essendo un percorso ciclopedonale, prevede il rispetto dell’art. 190 del C.d.S. (e il Regolamento del Sentiero  Valtellina) precedendo quindi sulla propria sinistra (al termine un buon piatto di TAROZZ Valtellinesi).                  percorso di 46 chilometri – dislivello positivo 119 metri – varie fontane, nuovi fontanelli della SECAM nella prima metà – “bergheil” buonC@mmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.